18 giugno 2018

L’Assemblea dei Soci di Uni.Rimini: i principali dati riferiti alla attività di Uni.Rimini nel 2017 e i principali obiettivi programmatici della Società per il 2018.

di Leonardo Cagnoli, Presidente Uni.Rimini Spa 



L’Assemblea dei Soci di Unirimini che si è svolta lo scorso 27 Aprile, che rappresenta un momento di grande importanza per la Società sia per la verifica economica finanziaria che perché ci permette di esplicitare l’attività svolta nell’anno precedente e la componente progettuale che coinvolgerà Uni.Rimini per il prossimo futuro, ha illustrato i principali dati riferiti alla attività di Uni.Rimini nel 2017 e ha confermare i principali obiettivi programmatici della Società per il 2018.

“Già un anno fa abbiamo ricordato come Uni.Rimini nei suoi primi anni di vita abbia cercato di svolgere un lavoro intenso su alcuni aspetti che, inizialmente, riguardavano l’avvio dell’insediamento Universitario e che consistevano nell’investire in contenitori necessari per lo sviluppo della didattica e nel raggiungere una soglia critica di studenti che permettesse il consolidamento del Campus. 
A questi primi obiettivi, nel corso degli anni, se ne sono aggiunti altri. Essi sono stati l’avvio di una struttura dipartimentale e lo sviluppo di una attività di ricerca oltre che di didattica; la adozione di strumenti facilitanti, sia strutturali che funzionali, per i docenti al fine di favorire il loro incardinamento presso la Sede di Rimini; lo sviluppo di un dialogo costruttivo tra l’Università e le Aziende e le Istituzioni del Territorio al fine di favorire il trasferimento tecnologico e la innovazione di prodotti e processi produttivi dall’ambiente accademico al territorio da una parte, e l’attivazione di processi facilitanti l’ingresso dei discenti nel mondo del lavoro dall’altra.
Non c’è dubbio che questi obiettivi siano stati raggiunti, come evidenziano sinteticamente alcune cifre riferite all’ultimo anno accademico e alla situazione attuale : 5.028 studenti iscritti al 15/02/2018 di cui il 12,11 % stranieri e 54,85 %  emiliano-romagnoli, 1.625 studenti immatricolati alla data del 01/12/2017 nell’anno accademico 2017/2018, e circa 500 aziende convenzionate in Tirocinio formativo con il nostro Campus Universitario.
Un dato significativo dell’ultimo esercizio è stato un sempre maggiore interesse da parte del sistema economico e sociale riminese nei confronti delle attività svolte dall’Università e viceversa; oggi, dunque, possiamo parlare della presenza a Rimini di un sistema universitario complesso, articolato su una Didattica collegata ad alcuni asset di eccellenza territoriali, su un’attività di Ricerca sia Accademica che Applicata, e di importanti collegamenti con il Sistema Economico locale.
Anche a questa rete relazionale importante tra Aziende del territorio e Università, aspetto che sta molto a cuore ad Uni.Rimini che ne fa uno degli aspetti chiave della sua mission, sono dovuti i buoni risultati occupazionali degli studenti laureati presso il Campus di Rimini.
         Tutte queste attività, sono state portate avanti nel 2017 nel rispetto di quanto programmato e hanno comportato una grande ricaduta economica sul nostro territorio.
La ricaduta economica dell’insediamento universitario a Rimini è indubbia: poter portare annualmente sul nostro territorio una ricchezza che una ricerca del 2015 condotta da docenti del nostro Campus stimava tra i 14.000.000 e i 17.000.000 di euro all’anno è un contributo significativo per una filiera economica che coinvolge non solo gli erogatori dei servizi strettamente legati al mondo universitario, ma anche tutto l’indotto che negli anni si è creato attorno alla Cittadella Universitaria.

            Al di là di ciò vorrei fermare ora l’attenzione su alcuni aspetti generali che chiariscono quanto importante sia il ruolo dell’Università sul nostro territorio e quanto altrettanto importante sia stato e sia il ruolo della nostra Società nel favorire il suo sviluppo nella nostra Provincia, come la crescita culturale e la riqualificazione degli spazi.
L’Università a Rimini ha significato senza dubbio in questi anni un valido strumento di crescita culturale. Il 30% circa dei nostri iscritti proviene dalla provincia di Rimini e il fatto di poter avere una sede universitaria prestigiosa sul territorio ha rappresentato una valida e concreta possibilità di accesso agli studi universitari per le nostre giovani generazioni. Oltre a ciò, la presenza di una Biblioteca universitaria e gli innumerevoli eventi culturali organizzati nell’anno dall’Università ed aperti al pubblico costituiscono elementi di alto livello e facilitano aggregazione e interesse attorno ad importanti temi scientifici e di Ricerca. Da ultimo, molti dei Docenti del Campus collaborano con Istituzioni locali nell’ambito di progetti il cui sviluppo comporta una diffusione di saperi e valori scientifici. Inoltre, aver qualificato ambiti importanti della città in precedenza altrimenti destinati e talora necessitanti di pesanti ristrutturazioni con il posizionamento di strutture universitarie è un altro merito che si deve riconoscere al progetto della Cittadella Universitaria sul quale in passato sono stati fatti importanti investimenti, sia in termini di strutture che di attrezzature.

Nessun commento: