30 giugno 2015

Una festa dello sport per centinaia di ragazzi: si è conclusa l'edizione 2014-2015 del progetto 'Scuola, Salute e Benessere'

L'attività fisica, lo sport e una sana alimentazione come "investimento" sul presente e sul futuro delle giovani generazioni. Si è concluso lo scorso 6 maggio 2015 con una festa presso il Garden Sporting Center di Rimini l'edizione 2014-2015 del progetto "Scuola Salute e Benessere", iniziativa promossa dal Dipartimento in Scienze per la Qualità della Vita (QUVI) del Campus di Rimini dell'Università di Bologna, dal Comune di Rimini, da Uni.Rimini S.p.A, dall’AUSL Romagna, dal Coni Rimini, dall’Ufficio Scolastico Provinciale e da numerose Federazioni e Società sportive coinvolte, dedicata agli studenti del secondo anno delle scuole medie.

"Questo progetto, realizzato grazie ad una sinergia fra istituzioni che noi riteniamo decisiva e imprescindibile - sottolinea Leonardo Cagnoli, Presidente Uni.Rimini S.p.A. - ci ha consentito di avvicinare ragazzi di 12-13 anni: in questo modo l’Università può allargare la sua sfera di influenza anche alle generazioni dei giovanissimi; da un lato promuovendo stili di vita corretti e sani, dall'altra aiutandoli a familiarizzare con il Campus di Rimini, iniziando a dare loro una prospettiva di studio che vada oltre la cosiddetta scuola dell'obbligo".

Attraverso lezioni interattive sui temi dell’attività motoria e della nutrizione ed incontri con le Associazioni e Federazioni Sportive, il progetto si è proposto di far scoprire ai ragazzi il piacere di muoversi e l’importanza di una nutrizione sana. In questo modo sono stati coinvolti studenti, insegnanti, docenti universitari e le famiglie nella lotta all'obesità fin dall'adolescenza, con il proposito di combattere sedentarietà, eccessi nutrizionali e stili di vita scorretti. In questa seconda edizione sono stati coinvolti gli Istituti Comprensivi Marvelli, Centro Storico, XX Settembre, A. Bertola, Miramare, Alighieri, per oltre 400 studenti di 17 classi differenti.

"È ormai chiaro, e la scienza lo ha ampiamente dimostrato, che lo stile di vita è una componente essenziale nel mantenimento di un buono stato di salute a lungo termine. Le problematiche di una popolazione che invecchia - spiega Marco Malaguti, Ricercatore presso il QuVi e docente di Biochimica, referente per il progetto 'Scuola, Salute e Benessere' - rappresentano la sfida che la nostra società non può permettersi di perdere".

"Non è mai troppo presto per adottare uno stile di vita sano ed attivo - conclude Andrea Ceciliani, Ricercatore presso il QuVi e docente di Scienze Motorie - ecco il motivo che porta i nostri docenti ad affrontare i temi dell’alimentazione sana e del movimento con ragazzi giovani come sono quelli che frequentano le scuole medie".

Nessun commento: