30 giugno 2015

Promozione della salute e prevenzione dalle malattie: nasce il nuovo corso di Laurea in Assistenza Sanitaria della Scuola di Medicina e Chirurgia del Campus di Rimini

Si è tenuto lo scorso 17 giugno 2015 presso l'Aula Magna del Campus di Rimini il momento ufficiale di presentazione di una nuova laurea triennale che va ad arricchire l'offerta formativa del Campus di Rimini: il corso di Laurea in Assistenza Sanitaria, un unicum a livello regionale, che formerà dottori impegnati nella promozione della salute attraverso la prevenzione e il sostegno alle persone affette da malattie cronico-degenerative, il cui peso è sempre più difficile da sostenere per il Servizio Sanitario Nazionale. Il professionista che emergerà da questo nuovo corso di Laurea sarà quindi impegnato a dar vita ad una logica di razionalità nella gestione dei servizi sanitari e a promuovere il raccordo interprofessionale e la collaborazione multiprofessionale per la prevenzione e la cura delle malattie croniche e del disagio psico-sociale. Il piano didattico di questa nuova laurea triennale prevede nelle tre annualità 19 insegnamenti, 3 laboratori professionalizzanti e ben 1500 ore di praticantato, divise in tre tirocini annuali.



L'Assistente Sanitario sarà impegnato nell'analisi dei bisogni legati alla salute e dei fattori biologici e sociali di rischio; la sua attività sarà rivolta al singolo individuo, alla famiglia e alla collettività; elaborerà inoltre le priorità di intervento preventivo, educativo e di recupero. Il Campus di Rimini, grazie all’impegno dell’Ateneo, dell’ente di sostegno Uni.Rimini S.p.A. e delle istituzioni locali in questi anni si è caratterizzato per specifiche tematiche legate alla salute, alla prevenzione e alla qualità della vita. Questo nuovo corso di laurea si inserisce in quest’area di aggregazione per la ricerca del mantenimento della salute nei suoi molteplici aspetti dove le diverse competenze scientifiche favoriscono anche i processi di sviluppo e innovazione a livello locale.



Sbocchi professionali. Gli sbocchi professionali per i laureati in Assistenza Sanitaria sono nell'ambito delle strutture del Sistema Sanitario Nazionale, nei servizi pubblici, privati e del no-profit dove si realizzino progetti di studio e ricerca sulla salute, interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria, attività di promozione e di educazione alla salute, nonché attività di formazione per gli ambiti dell'educazione sanitaria o della formazione degli operatori sociali, scolastici e dei lavoratori. I laureati possono trovare impiego nelle Aziende sanitarie, in particolare nei Dipartimenti di Sanità Pubblica, nei Dipartimenti Cure Primarie e Distretti, nei Dipartimenti Materno-Infantili- Pediatria di comunità-Consultori familiari, nei Dipartimenti di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, negli Uffici Relazione con il Pubblico, negli Uffici Qualità, nelle Direzioni Sanitarie, nonché nei centri pubblici e privati per l'educazione alla salute e per la tutela dei diritti dei cittadini.



Hanno partecipato alla presentazione: Mirella Falconi, Vice Presidente della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie, Università di Bologna, Luigi Bolondi, Presidente Scuola Medicina e Chirurgia, Università di Bologna; Marcello Tonini, Direttore Generale AUSL Area Vasta Romagna; Antonella Santullo, Responsabile Formazione dell'Area Vasta Romagna; Raffaele Lodi, Direttore Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie, Università di Bologna; Giovanni Matteucci, Direttore Dipartimento per la Qualità della Vita, Campus di Rimini, Università di Bologna; Maria Pia Fantini, Docente proponente del CdL in Assistenza Sanitaria, Università di Bologna; Giuliana Bodini, Assistente Sanitaria Presidente Nazionale AsNAS Coordinatrice del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Brescia; Antonello E. Scorcu, Coordinatore Campus di Rimini; Leonardo Cagnoli, Presidente Uni.Rimini S.p.A.







Nessun commento: