18 dicembre 2014

Al via UniJunior: l'università formato bambino

L'università a portata di bambino. Lezioni, seminari, laboratori, docenti: tutto vero ma gli studenti avevano tra gli 8 e i 14 anni. Si chiama UniJunior ed è un progetto, giunto alla terza annualità, dell'associazione culturale Fun Science in collaborazione con l'Università di Bologna, sostenuto per l’edizione riminese da Uni.Rimini S.p.A.. E’ un invito per le giovanissime generazioni ad avvicinarsi al mondo accademico, con largo anticipo, con un linguaggio ed una metodologia adatta ai più piccoli. Per insegnare, al di là di tutto, il piacere della scoperta e la sana curiosità che conduce al sapere, in un'apertura totale verso le famiglie e la città. La curiosità dei bambini, il desiderio di frequentare l’Università “dei grandi” diventa così un grande stimolo che concorre nella valorizzazione dell’alta formazione e nella promozione dell’università come luogo di innovazione e di crescita. 

Per questa terza edizione – presentata pubblicamente lo scorso 29 novembre 2014 – è stata aumentata l'offerta formativa, grazie alla disponibilità dei professori del Campus di Rimini, e verrà superata la quota di 350 iscritti, in netta progressione rispetto alle due annualità precedenti (200 nel 2012, 300 nel 2013). Il successo della giornata di presentazione, le tante mail e telefonate da parte dei genitori per sapere quando cominceranno le nuove lezioni; fratellini e sorelline dispiaciuti di non poter assistere alla lezione e che aspettano con ansia di compiere 8 anni per potersi iscrivere (l’iniziativa è rivolta a studenti dagli 8 ai 14 anni): l'entusiasmo che questa iniziativa ha suscitato è notevole.

“Ad oggi abbiamo già oltre 200 iscritti, con tutte le lezioni laboratoriali esaurite – sottolinea Raffaella Casadei, ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita, Campus di Rimini, organizzatrice e promotrice di Unijunior Rimini – e le iscrizioni naturalmente rimarrano aperte fino a completo esaurimento posti. Dopo aver partecipato come docente all’edizione bolognese di UniJunior sono rimasta colpita dall’entusiasmo, dalla curiosità e dalla serietà nell’impegno dei piccoli studenti partecipanti. Da mamma residente a Rimini e amante della parte divulgativa del mio lavoro, ho pensato che sarebbe stato bello poter proporre anche nel nostro territorio una simile iniziativa. Così, quando come ricercatrice mi sono trasferita presso il nuovo Dipartimento del Campus di Rimini, ho subito proposto al presidente di Fun Science di organizzare una edizione romagnola di UniJunior, raccogliendo consensi positivi ed unanimi da parte del direttore della mia struttura, del presidente del Campus e soprattutto da parte di Uni.Rimini S.pA., l’ente di sostegno dell’Università riminese che ci ha permesso in questi anni di usufruire degli spazi e delle attrezzature durante i giorni di chiusura dell’Università. Ci tengo a ricordare che circa 2 anni fa fu l’allora presidente, Luciano Chicchi, ad appoggiare la prima edizione del progetto, investendo ancora una volta in un progetto educativo di divulgazione e di totale apertura del mondo accademico alla società. La collaborazione è stata poi rinnovata dalla vice presidente Barbara Bonfiglioli e dal direttore Lorenzo Succi, e in questa terza edizione anche dal nuovo presidente, Leonardo Cagnoli”.


Nessun commento: