06 ottobre 2014

Uni.Rimini Newsletter n.3 / 2014

Qualità e internazionalizzazione: sono queste le due direttrici sulle quali punta la ricca offerta formativa del Campus di Rimini dell'Università di Bologna per l'anno accademico 2014-2015, che si propone agli studenti con alcune interessanti novità didattiche. Ne parliamo con Antonello Eugenio Scorcu, docente universitario e Coordinatore del Campus di Rimini.
Dopo il successo della prima edizione 2013-2014 si ripete anche nell'anno scolastico 2014-2015 il progetto Scuola, Salute e Benessere promosso da Campus di Rimini dell’Università di Bologna - Dipartimento in Scienze per la Qualità della Vita (QuVi), Comune di Rimini, AUSL di Rimini e Uni.Rimini S.p.A. L'iniziativa ha come obiettivo la promozione presso le scuole e le famiglie di corretti stili di vita alimentari e dell’importanza di una costante pratica sportiva, in quanto veicoli di salute e benessere. Un messaggio destinato ai ragazzi delle medie inferiori perché è proprio a questa età che essi possono sviluppare una maggior consapevolezza in campo alimentare e definiscono le scelte rispetto alla pratica sportiva.
È un nuovo punto di incontro fra studenti universitari e mondo del lavoro, utile per conoscere il tessuto imprenditoriale del proprio territorio e valutare possibili scelte professionali. Dall'anno accademico 2013-2014 è nato, infatti, nell’ambito dei progetti speciali promossi dall'Alma Mater, un nuovo servizio di orientamento che fa incontrare, molto prima della laurea, gli studenti con esperti, manager, dirigenti, imprenditori, chiamati ad illustrare le competenze necessarie per entrare nel mondo del lavoro con particolare riferimento al territorio di Rimini.
Fashion Culture and Management: una nuova laurea magistrale
Il Campus di Rimini accelera sul fronte internazionalizzazione. Come già accennato infatti nelle pagine di questa newsletter dal Prof. Antonello Eugenio Scorcu, nell'Anno Accademico 2014-2015 vede la luce una nuova Laurea Magistrale in lingua inglese, nell'ambito della Scuola di Lettere e Beni Culturali: FCM, ovvero ‘Fashion Culture and Management’. Una novità importante che rappresenta un upgrading della proposta formativa del Campus e che si colloca con grande evidenza fra le diverse proposte internazionali dei Corsi di laurea in Moda.

E' stata assegnata alla 19enne Besjana Xibraku, originaria dell'Albania, da cinque anni residente in Italia a Savignano sul Rubicone, la borsa di studio intitolata alla memoria di Luciano Chicchi, past president di Uni.Rimini S.p.A. scomparso nel novembre del 2012. 

Gli studenti del Campus universitario di Rimini incontrano il mondo del lavoro

È un nuovo punto di incontro fra studenti universitari e mondo del lavoro, utile per conoscere il tessuto imprenditoriale del proprio territorio e valutare possibili scelte professionali: un'iniziativa che si aggiunge a 'Lavoro in Corso', l'evento primaverile dedicato a laureati e laureandi che, nell'arco di una giornata, possono presentarsi a numerose aziende del territorio per un primo contatto privilegiato di tipo lavorativo; e all'annuale ‘Premio Cultura d'Impresa’ promosso da Uni.Rimini S.p.A. che premia le imprese che hanno accolto in tirocinio formativo o per tesi di laurea in azienda i laureati del Campus di Rimini. 

Dall'anno accademico 2013-2014 è nato, infatti, nell’ambito dei progetti speciali promossi dall'Alma Mater, un nuovo servizio di orientamento che fa incontrare, molto prima della laurea, gli studenti con esperti, manager, dirigenti, imprenditori, chiamati ad illustrare le competenze necessarie per entrare nel mondo del lavoro con particolare riferimento al territorio di Rimini.

"Gli studenti hanno gradito molto questa iniziativa - racconta Maria Letizia Guerra, docente delegata all'Orientamento per la Scuola di Economia - e il riscontro è positivo. I ragazzi hanno apprezzato in particolare i consigli pratici, le ‘dritte’ sulla presentazione al colloquio: piccole accortezze che possono fare la differenza. Non basta, infatti, nell'approccio con il mondo del lavoro, presentarsi con degli ottimi voti: occorre anche saperci fare e, per esempio, essere curati nell'aspetto e mostrarsi appassionati".

L'iniziativa, realizzata da Uni.Rimini S.p.A. e Scuola di Economia, Management e Statistica, per l'anno accademico 2014-2015, si struttura in quattro incontri: il 15 ottobre dedicato alle professioni, il 22 ottobre al turismo, il 12 novembre alla finanza e il 19 novembre al management. Parteciperanno i docenti del Campus di Rimini e sono stati invitati ad intervenire manager ed imprenditori del territorio.

Il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, a sinistra, e il Direttore di 
Uni.Rimini Lorenzo Succi, in una delle edizioni di 'Lavoro in Corso'.
"Le quattro aree che abbiamo scelto - spiega Lorenzo Succi, Direttore Uni.Rimini S.p.A. - sono quelle di maggior interesse didattico e scientifico afferenti alla Scuola di Economia, Management e Statistica. Oltre ai professionisti abbiamo deciso di invitare anche i neolaureati che sono già entrati nel mondo del lavoro, per dare consigli ai futuri colleghi, raccontando la propria esperienza e l’approccio migliore con il sistema delle imprese. Anche questo progetto, come il 'Premio Cultura d'Impresa' e 'Lavoro in Corso', nasce dalla volontà di costruire un ponte di collegamento tra il mondo universitario e i sistemi economici locali e nazionali: un investimento che dura da cinque anni e che ha già dato importanti frutti in termini di soddisfazione, sia da parte degli studenti che degli imprenditori coinvolti'".

Calendario delle iniziative di orientamento
  • 15/10/2014 ore 16.00 – PROFESSIONI c/o Alberti 14 – Campus di Rimini Università di Bologna
  • 22/10/2014  ore 16.00 – TURISMO c/o PALACONGRESSI di RIMINI
  • 12/11/2014  ore 16.00 – FINANZA c/o Palazzo Agolanti BANCA CARIM
  • 19/11/2014 ore 16.00 – MANAGEMENT c/o Alberti 14 Campus di Rimini Università di Bologna


Fashion Culture and Management: una nuova laurea magistrale

Il Campus di Rimini accelera sul fronte internazionalizzazione. Come già accennato infatti nelle pagine di questa newsletter dal Prof. Antonello Eugenio Scorcu, nell’ Anno Accademico 2014-2015 vede la luce una nuova Laurea Magistrale in lingua inglese, nell'ambito della Scuola di Lettere e Beni Culturali: FCM, ovvero ‘Fashion Culture and Management’. 

Una novità importante che rappresenta un upgrading della proposta formativa del Campus e che si colloca con grande evidenza fra le diverse proposte internazionali dei Corsi di laurea in Moda. Una novità che nasce anche grazie all’attività del Tavolo della Moda, avviato nel 2009, un luogo di confronto e contatto con la realtà economica territoriale di settore, che ha rivolto grande attenzione al raccordo tra Università e mondo del lavoro, evidenziando la necessità di una proposta formativa che includa specifici approfondimenti dei diversi aspetti che convivono all’interno dell’azienda moda.

Barbara Bonfiglioli, Vice Presidente
Uni.Rimini S.pA., con Ivano Dionigi,
Rettore dell'Università di Bologna
"La scelta di un CdL magistrale completamente in inglese, articolato in tre curricula, risponde ad una duplice necessità nella preparazione dei futuri manager della moda – sottolinea Barbara Bonfiglioli, Vice Presidente Uni.Rimini S.p.A. – ovvero una maggiore internazionalizzazione e una più precisa specializzazione nella formazione che sono le stesse imprese del settore moda a chiedere: un approfondimento delle tantissime sfaccettature che compongono il fashion system, dove elementi di cultura generale e specifica, storia economica e management, preparano l’accesso al mondo della moda, un campo che spazia dagli aspetti più creativi e di design a quelli legati a produzione, marketing e comunicazione”.

Fashion Culture and Management nasce quindi proprio con l'intento di coniugare la tradizione umanistica della Scuola di Lettere e Beni Culturali con le esigenze del mercato e dell'industria, in particolare della moda.

Fabriano Fabbri, Coordinatore LM in
Fashion Culture and Management
“I corsi di moda riminesi – spiega Fabriano Fabbri, Coordinatore della Laurea Magistrale – rappresentano una delle realtà di maggior rilevanza sui Fashion Studies e da quest'anno accademico, con l'apertura della Laurea Magistrale in lingua inglese, avremo la possibilità di attrarre un numero cospicuo di studenti internazionali. A ciò si aggiunge la tripartizione in tre curricula, uno dei quali, Fashion Management, si avvale della preziosa collaborazione del Dipartimento di Scienze Aziendali. Il corso è quindi un unicum per fisionomia didattica. In base ai colloqui di accesso, l'impatto di questa Laurea Magistrale si è dimostrato davvero notevole".

La borsa di studio 'Luciano Chicchi' assegnata a Besjana Xibraku

Luciano Chicchi
E' stata assegnata alla 19enne Besjana Xibraku, originaria dell'Albania, da cinque anni residente in Italia a Savignano sul Rubicone, la borsa di studio intitolata alla memoria di Luciano Chicchi, past president di Uni.Rimini S.p.A. scomparso nel novembre del 2012. 

Un premio che nasce per promuovere la frequenza ai Corsi di Studio Triennali/Quinquennali a Ciclo Unico istituiti presso il Campus di Rimini dell’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Besjana riceverà un importo di 3.000,00 euro all’anno che servirà per la parziale copertura degli oneri di iscrizione, frequenza e acquisto libri e manuali di studio. 

Diplomata con 96/100 in Ragioneria all'ITC 'Rino Molari' di Santarcangelo di Romagna, la neo studentessa universitaria ha scelto di iscriversi al Corso di Laurea in Economia delle Imprese. "Sono molto contenta di questa opportunità che mi viene data - racconta un'emozionata Besjana Xibraku - e ritengo che questa iniziativa sia importante, perché può aiutare persone che altrimenti non avrebbero potuto proseguire gli studi". Oltre che a Uni.Rimini S.p.A., un ringraziamento speciale Besjana lo rivolge a tutta la sua classe, la 5°B 2013-2014, e a tutti i docenti, in particolare le professoresse V. Fucili e A. Perazzi.
Besjana Xibraku (nella fila in basso è la seconda da destra) con i suoi
compagni di classe del 'Rino Molari' anno scolastico 2013-2014



Campus di Rimini Anno Accademico 2014-2015: un’offerta formativa ancora più ricca

Qualità e internazionalizzazione: sono queste le due direttrici sulle quali punta la ricca offerta formativa del Campus di Rimini dell'Università di Bologna per l'anno accademico 2014-2015, che si propone agli studenti con alcune interessanti novità didattiche. Ne parliamo con Antonello Eugenio Scorcu, docente universitario e Coordinatore del Campus di Rimini.

Professor Scorcu, alle soglie dell'anno accademico 2014-2015, come si contraddistingue l'offerta formativa del Campus di Rimini?
Antonello E. Scorcu, Coordinatore
Campus di Rimini - Università di Bologna
Uno dei segni più evidenti dell'intenso lavoro che stiamo svolgendo per favorire la crescita e lo sviluppo del Campus è il passaggio da una logica quantitativa ad una qualitativa. Negli anni precedenti il Campus ha raggiunto una dimensione importante, oggi invece, sempre mantenendo questa dimensione, siamo fortemente impegnati nel miglioramento della preparazione dei nostri studenti. I laureati del Campus di Rimini hanno già profili di alto livello, basti pensare ai dati relativi al placement post universitario, dove le nostre medie sono superiori sia all'Italia, sia a Bologna. Ma dobbiamo migliorare ancora: non attraverso l'apertura di nuovi corsi di laurea, non ce n'è bisogno, ma facendo crescere ciò che c'è già.

Una delle logiche qualitative sembra dettata dalla presenza di corsi a numero programmato.
Quasi tutte le lauree triennali hanno il numero programmato oppure l'accesso tramite un test; così anche per quanto concerne Medicina e Farmacia, dove i 'filtri' sono posti a livello nazionale. Non si tratta di punire i nostri futuri studenti, ma solo di un modo, come ho già a suo tempo affermato, per aiutarli a riflettere con più coscienza sul passo che stanno facendo. Allo studente che desidera iscriversi ai nostri corsi di laurea chiediamo passione, impegno e convinzione: di non arrendersi alla complessità e alle difficoltà. E riteniamo che, in questo senso, il dover sostenere un test sia un buon di cominciare questo percorso, in modo che lo aspirante studente possa confrontarsi con le proprie motivazioni.

Nel piano di offerta formativa del Campus di Rimini quest'anno campeggiano tre Lauree magistrali e un curriculum in inglese: una spinta precisa verso l'internazionalizzazione.
Service Management è un nuovo curriculum in inglese della Laurea Magistrale in Amministrazione e Controllo d'Impresa. Resource Economics and Sustainable Development è invece una nuova Laurea Magistrale, più focalizzata sull'economia delle risorse e sulla green economy, che tocca un tema attuale come la crescita virtuosa e rispettosa dell'ambiente. Ha un contenuto anche di natura tecnologica, per il quale abbiamo chiesto collaborazione alla Scuola di Scienze, alla Laurea in Chimica e tecnologie per l'ambiente e i materiali: è una nuova proposta alla quale crediamo molto. Completano il quadro la Laurea Magistrale in Tourism economics and management e, per la Scuola di Lettere e Beni Culturali, la nuovissima Fashion Culture and Management (vedi altro articolo).

Quale è la strategia dietro questa direttiva che punta chiaramente verso l'estero?
I nostri bienni di specializzazione, laddove è possibile, si stanno spostando decisamente su un piano più internazionale. Il Campus di Rimini continua, infatti, ad avere una forte attrattiva di studenti non solo fuori provincia, ma anche fuori regione e fuori dal Paese. Basti pensare che il 50% degli studenti delle lauree magistrali vengono da fuori regione, mentre per le lauree triennali la percentuale, comunque importante, è pari al 30%.

Come valuta la strada intrapresa, tra qualità e internazionalizzazione?
E' un processo di successo: dare servizi migliori, puntare su attrezzature nuove, ci consente di globalizzarci, anche nel nostro piccolo. Visiting teachers, Erasmus mundus, il Centre for Advanced Studies in Tourism - che sta andando alla grande: infatti, gestiremo un master con il Ministero del Turismo per formare operatori turistici del Myanmar - sono altri tasselli di questo sforzo che ci stanno dando ragione. E per il 2015-2016 contiamo di poter aprire un curriculum della laurea triennale in turismo in inglese.

TUTTA L'OFFERTA FORMATIVA E' ONLINE

Scuola di Economia, Management e Statistica 
Economia del turismo [L] Economia dell'impresa [L] 
Finanza, assicurazioni e impresa [L]
Amministrazione e controllo d'impresa [LM] 
Service Management - SEM (in inglese)
Resource Economics and Sustainable Development [LM] (in inglese)
Scienze statistiche finanziarie e attuariali [LM]
Tourism economics and management [LM] (in inglese)

Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie
Controllo di qualita' dei prodotti per la salute [L] 
Farmacia [LMCU] 
Scienze delle attivita' motorie e sportive [L] 
Management delle attivita' motorie e sportive [LM]

Scuola di Lettere e Beni culturali
Culture e tecniche della moda [L]
Fashion Culture and management/Cultura e Management della Moda[LM] (in inglese)

Scuola di Medicina e Chirurgia
Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di infermiere) [L] 
Ostetricia(abilitante alla professione sanitaria di ostetrico [L] 
Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica) [L] 

Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione
Educatore sociale e culturale [L] 
Progettazione e gestione dell'intervento educativo nel disagio sociale [LM] 

Scuola di Scienze
Chimica e tecnologie per l'ambiente e per i materiali [L]

Salute e benessere: la scuola media riminese al centro della seconda edizione del progetto universitario

Dopo il successo della prima edizione 2013-2014 si ripete anche nell'anno scolastico 2014-2015 il progetto Scuola, Salute e Benessere promosso da Campus di Rimini dell’Università di Bologna - Dipartimento in Scienze per la Qualità della Vita (QuVi), Comune di Rimini, AUSL di Rimini e Uni.Rimini S.p.A. 

Una delle scuole coinvolte nel progetto 2013-2014
L'iniziativa ha come obiettivo la promozione presso le scuole e le famiglie di corretti stili di vita alimentari e dell’importanza di una costante pratica sportiva, in quanto veicoli di salute e benessere. Essa coinvolge ragazzi, insegnanti, docenti universitari nella lotta all'obesità fin dall'adolescenza, con il proposito di combattere sedentarietà, eccessi nutrizionali e stili di vita scorretti attraverso una campagna educativa sul territorio. Un messaggio destinato ai ragazzi delle medie inferiori perché è proprio a questa età che essi possono sviluppare una maggior consapevolezza in campo alimentare e definiscono le scelte rispetto alla pratica sportiva. 

Nella prima edizione sono stati coinvolti un numero selezionato di classi degli Istituti Comprensivi Centro Storico, XX Settembre, Marvelli, Alighieri, Miramare. In questo anno scolastico 2014-2015 il progetto si articola in tre step: il primo informativo, il secondo di attività fisica e il terzo di ricerca vera e propria, attraverso la distribuzione e la compilazione di questionari da parte degli studenti. Gli interventi a livello delle scuole saranno effettuati da ricercatori del Dipartimento QuVi, Marco Malaguti e Andrea Ceciliani.

Leonardo Cagnoli, Presidente
Uni.Rimini S.p.A.
"Questo progetto, realizzato con il Comune di Rimini e il QuVi grazie ad una sinergia fra istituzioni che noi riteniamo decisiva e imprescindibile - sottolinea Leonardo Cagnoli, Presidente Uni.Rimini S.p.A. - ci consente di avvicinare ragazzi di 12-13 anni: in questo modo l’università può allargare la sua sfera di influenza anche alle generazioni dei giovanissimi".

Lo scorso 2 ottobre, all'interno delle iniziative dedicate al 'Mese delle famiglie', il progetto è stato presentato pubblicamente presso il Palazzo del Podestà dai docenti coinvolti, alla presenza di Gloria Lisi, Vice Sindaco con delega alle Politiche della Famiglia e Lorenzo Succi, Direttore Uni.Rimini S.p.A..

“Il Progetto ‘Scuola, Salute e Benessere’ rappresenta a pieno titolo l'impostazione alla base della delega, fortemente voluta da questa Amministrazione, alla ‘Città dei bambini’” – sottolinea Gloria Lisi, Vice Sindaco del Comune di Rimini e Assessore alle Politiche per la Famiglia. “Ripensare la città, progettarla e riqualificarla a misura di bambino perché diventi sempre più una città sostenibile, equilibrata, solidale, integrata, libera nelle idee e nelle pratiche, più ecologica nel muoversi e più bella nell'impatto estetico e funzionale. 

Gloria Lisi, Vice Sindaco Comune di Rimini
Una città più leggera, più semplice, nella quale tutti contino di più, a ogni età, a cominciare dai cittadini più piccoli. Una città nella quale la scuola non è più e solo un cubo, un edificio dentro al quale i grandi spiegano ai più piccoli nozioni e materie, ma un centro pulsante di vita sociale, culturale, civica e pedagogica. In questo ambito il progetto ‘Salute e benessere’, nato e sviluppato grazie ad una virtuosa relazione e alla comunità di intenti tra Comune di Rimini, Campus di Rimini e Uni.Rimini S.p.A., si pone come sperimentazione di alto livello di un nuovo approccio allo stare a scuola. Promuovere la massima attenzione di scuole e famiglie sui temi del Benessere, dell’Attività Motoria e dell’Alimentazione, combattere l’eccesso nel consumo di alimenti e gli stili di vita scorretti attraverso una Campagna Educativa sul territorio. Questi gli ambiziosi risultati di una sperimentazione avviata l'anno scorso attraverso i 200 questionari distribuiti e le tante scuole coinvolte. La restituzione degli esiti nel prossimo convegno ospitato nella prestigiosa cornice del "Mese delle famiglie" del Comune di Rimini vuole essere sia la fine del primo passo che, ci auguriamo, l'inizio dei tanti altri da fare ancora insieme”.