01 luglio 2014

Salute e benessere nelle scuole: campagna educativa nelle scuole medie inferiori per promuovere attività motoria e cura dell’alimentazione


Promuovere la massima attenzione di scuole e famiglie sui temi del Benessere, dell'Attività Motoria e dell'Alimentazione e combattere l'eccesso nel consumo di alimenti e gli stili di vita scorretti attraverso una Campagna Educativa sul territorio. Con questi obiettivi il Dipartimento in Scienze per la Qualità della Vita dell'Università di Bologna, il Comune di Rimini, l'AUSL di Rimini e Uni.Rimini SpA hanno promosso lo scorso mese di aprile 2014 la prima edizione del Progetto Salute e Benessere nelle Scuole.

Si è trattato di un progetto pilota in cui è stato coinvolto un numero selezionato di classi degli Istituti Comprensivi Centro Storico, XX Settembre, Marvelli, Alighieri, Miramare, per un totale di circa 300 studenti. La scelta di intervenire con un progetto di educazione nutrizionale e motoria a livello delle scuole medie inferiori, indirizzando il messaggio a studenti di 12-13 anni di età, è stata motivata dal fatto che in questa fascia di età i ragazzi possono sviluppare una maggior consapevolezza in campo alimentare e si definiscono le scelte rispetto alla pratica sportiva.

Quattro i momenti fondamentali del progetto. Un primo incontro con i ragazzi, in presenza degli insegnanti, nel quale sono stati affrontati temi fondamentali per un'alimentazione sana quali l'importanza degli alimenti vegetali, la consapevolezza nei confronti di come ci alimentiamo e come saper leggere i messaggi che i mass media inviano in materia di alimentazione. Un secondo incontro mirato all'attività motoria e sportiva come momento di piacere-divertimento. Un terzo incontro che ha avuto l'obiettivo di far conoscere ai ragazzi le opportunità che il territorio di Rimini e le Associazioni e le Federazioni sportive mettono a disposizione della popolazione per seguire uno stile di vita "in movimento". Infine, la giornata conclusiva del progetto, che si è svolta lo scorso 8 giugno in concomitanza con l'open day del Coni: centinaia di ragazzi in centro storico hanno potuto partecipare ad iniziative di introduzione e avviamento all'attività sportiva, sperimentando diversi sport come lo scherma, il calcio, la pallavolo, la pallacanestro, il tiro con l'arco. Un'autentica festa dello sport.

"Il corretto stile di vita rappresenta l'arma più potente che abbiamo a disposizione per mantenerci in salute a lungo termine" - afferma il Prof. Marco Malaguti, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita. "Se da un lato questo concetto è ovvio, dall'altro ci troviamo ad affrontare una società sempre più sedentaria e con abitudini alimentari sempre peggiori. Patologie che un tempo caratterizzavano la popolazione anziana come obesità e diabete di tipo II, ora sono sempre più frequenti anche in fasce di età giovanile. Proprio per questo il progetto si pone l'obiettivo di fare breccia nelle menti dei giovani, facendo riscoprire loro il piacere del muoversi in compagnia e del mangiare correttamente".

Nessun commento: