04 aprile 2014

Tecnopoli: doppia convenzione per promuovere la ricerca e collegare Università e Imprese

Imprese e Università insieme per la ricerca e l'innovazione: vanno in questo senso le due convenzioni recentemente stipulate da Uni.Rimini Spa e Confindustria Rimini con CIRI MAM -Centro interdipartimentale di ricerca industriale Meccanica Avanzata e Materiali dell'Università di Bologna la prima e con il Tecnopolo ICT - Information Communication Technology la seconda, nate per agevolare i legami con il mondo della ricerca e quindi aiutare le imprese associate a Confindustria a sviluppare un approccio al mercato più competitivo e incentrato sull’innovazione.

Da sin: Paolo Maggioli, Presidente Confindustria Rimini
con il Presidente di Uni.Rimini S.p.A., Leonardo Cagnoli.
La prima convenzione, in ordine di tempo, è stata quella stipulata lo scorso febbraio fra Confindustria Rimini, Uni.Rimini Spa e il CIRI MAM, in un incontro aperto al quale hanno partecipato il Dott. Lorenzo Succi, Direttore Uni.Rimini Spa, l’Ing. Franco Raffi-Direttore Confindustria Rimini, il Prof. Luca Tomesani, Direttore CIRI MAM e il Prof. Vincenzo Tumiatti, Responsabile di Unità Operativa di Rimini CIRI MAM. Impresa e Università si sono mostrate sempre più in accordo su alcuni temi d'interesse comune: facilitare il trasferimento di informazioni nel campo della ricerca industriale per favorire l’innovazione delle Imprese e attivare collaborazioni tra le aziende associate e i laboratori dei Centri Interdipartimentali Ricerca Industriale (CIRI), identificare temi di ricerca condivisi tra i CIRI e le aziende, organizzare workshop e seminari sul territorio. L'incontro è stato l'occasione per avere, da un lato, il riscontro delle necessità da parte del mondo dell'imprenditoria del territorio e, dall'altro, conoscere l'offerta proposta dal progetto dei Tecnopoli che va nella direzione di investire risorse per la Ricerca applicata, cercando di rispondere alle richieste della ricerca industriale. 

La seconda convenzione invece è stata stipulata a marzo tra Confindustria Rimini e Uni.Rimini Spa con il Tecnopolo ICT. La convenzione vuole agevolare i legami tra il mondo della ricerca e il mondo delle Imprese per aiutare le Aziende associate a Confindustria a sviluppare un approccio al mercato più competitivo e incentrato sull’innovazione. La finalità dell’accordo è quindi facilitare il trasferimento di informazioni nel campo della ricerca industriale, attivare collaborazioni tra le aziende associate e i laboratori dei Centri Interdipartimentali Ricerca Industriale (CIRI), identificare temi di ricerca condivisi tra il CIRI  e l’azienda, l’organizzazione di workshop e seminari sul territorio. Sono intervenuti Prof. Marco Chiani e Prof. Antonio Corradi del Tecnopolo ICT e Prof. Luciano Margara Responsabile Cesena LAB (incubatore e acceleratore d’impresa, incentrato sul mondo digital, web & new media) e Coordinatore del Campus universitario di Cesena.

"I nostri imprenditori - ha detto il Presidente di Confindustria Rimini, Paolo Maggioli - sono sempre più consapevoli che il livello della competizione vada spostato dal prezzo ai contenuti tecnologici e alla qualità. L'innovazione, insieme all'internazionalizzazione, rappresenta uno dei due pilastri su cui bisogna puntare per rilanciare l'economia. Purtroppo il nostro Paese in questo senso è ancora indietro: basti pensare che per finanziamento pubblico alla ricerca e sviluppo il Paese, con un 0,52% de PIL, si colloca ben al di sotto della media OCSE, pari allo 0,71%. Ecco perché diventa determinante cogliere tutte le opportunità possibili e creare sinergie, come quella fra la nostra Associazione e UniRimini e i Tecnopoli, affinché le risorse a disposizione siano potenziate al massimo".

"La ricchezza in termini di innovazione tecnologica - ha sottolineato Leonardo Cagnoli, Presidente Uni.Rimini S.p.A. - e le prospettive nel campo della ricerca avanzata che i Tecnopoli rappresentano, sono ancora da valorizzare appieno. Siamo pertanto particolarmente lieti di annunciare questa partnership fra Uni.Rimini S.p.A. e Confindustria Rimini: una partnership nata per far nascere, consolidare, valorizzare il rapporto tra mondo delle imprese, con particolare riferimento alle PMI, e della ricerca universitaria. La sinergia che vogliamo aiutare a sviluppare fra mondo accademico e imprenditoriale è di assoluta importanza per il sostegno alle stesse imprese: molte di loro si sono già affidate ai laboratori di ricerca universitari per sviluppare in qualità e innovazione i propri prodotti, ma i margini di crescita sono enormi. Tutta l'economia del nostro territorio riceverà dall'integrazione con i Tecnopoli una spinta importante per raccogliere e affrontare nuove sfide di mercato, anche a livello internazionale". 

Nessun commento: